Image Alt
  /  Il Cittadino   /  L’era di Napoleone dentro la Reggia, quando la Villa fu davvero reale

L’era di Napoleone dentro la Reggia, quando la Villa fu davvero reale

I mobili in mogano, i bronzi dorati e gli arredi laccati. Gli stucchi lucidi alle pareti e la sostituzione dei pavimenti in cotto con quelli, più raffinati, alla veneziana. Sono sempre i dettagli a fare la differenza, ma in questo caso guidano l’occhio dell’osservatore alla scoperta di quei particolari risalenti al gusto di un’età napoleonica non spazzati via dai rimaneggiamenti delle epoche successive e ancora oggi presenti negli spazi di quella Villa che, se ha iniziato a chiamarsi “reale”, è perché nel 1805 viene scelta dal viceré Eugenio De Beauharnais e da sua moglie, la viceregina Augusta di Baviera, come residenza privata.